Cantina Skerk

Boris Skerk nel 1990 fonda l’azienda oggi tra i simboli del Carso, in un punto difficile da immaginare per un’azienda vinicola. Posta in un punto impervio ed arido, ha terroir ricco di ferro, minerali e microelementi organici che fungono da linfa organica per vini di struttura e successo.
Vini di matrice naturalista e di filosofia Biologica, per scelta voluta non si ricorre all’ausilio della chimica in vigna e cantina. I principali vigneti coltivati sono la Malvasia Istriana e la Vitoska, da cui deriva Ograde Venezia Giulia Skerk, elegante blend tra i due vigneti sopra riportati.
Il clima mite, con ampi richiami di salinità del mare, lasciano il passo a lunghe pause di macchia mediterranea. Richiami floreali e frutto maturo conducono ad avere le condizioni ideali di bianchi aromatici e profumati, di regale assetto acidico.
Vitoska Skerk rappresenta tradizione vendemmiativa, poggia su un terreno sassoso e calcareo. La fermentazione è naturale a contatto con le bucce per giorni, dove colore e corpo si amalgamano con poesia all’interno di tini in legno.
La Malvasia Istriana Skerk è sicuramente il cuore del progetto, ha sentori di nespola ed agrumi, affina per ben dodici mesi in botti di rovere, conservativa nelle espressioni gustative, esprime territorio e delinea una curva d’unione con persone e luoghi unici del Carso.