Cantina Rainoldi

La gloriosa Rainoldi, è una bellissima realtà della Valtellina che nel vino ci riconosce tre cardini fondanti che sono: Vino come cultura, Vino come esperienza e Vino come responsabilità.

Belli questi accostamenti, basti pensare che fare vino in Valtellina è una missione, si dice che sia “eroica”, di confine. Ciò perché i vitigni sono coltivati su ripidi pendii con terrazze strappate al fianco della montagna. In situazioni così al limite, maturano ed affinano strepitosi vini rossi a base nebbiolo, a cominciare dallo Sfursat o Sforzato, potente, setoso ed elegantissimo nella longevità.

Inferno, Grumello, Valgella e Sassella sono gli altri principali attori di questo successo che mantiene negli anni con l’invecchiamento ampio spettro organolettico intatto.

Un vino strepitoso che grazie alla situazione pedoclimatica della valle ne trae beneficio; esposizione a sud, ampia pendenza del terreno favorisce il deflusso delle acque, insolazione straordinaria con basse rese ed età delle viti non oltre i 60 anni permettono grappoli sani e ricchi di aromi.

Vino come esperienza, affinano in cantina a Chiuro, dove c’è perfetta corrispondenza tra temperatura minima in inverno e massima in estate, non si oscilla mai oltre i 18°.

Vino come responsabilità, nell’adottare simbolicamente un territorio di cultura, di rispetto per agricoltura BIO ed ecostenibile, con l’attenzione rivolta alla continua innovazione tecnica in vigna e cantina. Vini a cui ogni intenditore, almeno una volta nella vita deve provare!