Champagne Philippe Costa

Sebbene lo champagne sia, per eccellenza, francese, non sono tutti francesi i suoi produttori. Questo è il caso della famiglia Costa e della sua etichetta Philippe Costa per Champagne. I Costa sono famosi per i loro possedimenti sparsi in diverse località italiane, ognuno dei quali è specializzato nella coltivazione dei vigneti tipici della regione. I possedimenti a Monforte d’Alba sono riservati alla produzione di Dolcetto e Barolo, quelli in Alto Adige sono destinati a Sauvignon Blanc, Pinot Bianco e Gewürztraminer, mentre le terre di Maremma sono prevalentemente destinate alla produzione di Morellino di Scansano. In questi grandi possedimenti e in questa vasta scelta di vini, mancava proprio il famoso champagne che, però, non può essere prodotto fuori la sa patria natia. Per tale motivo e spinti dalla voglia di offrire ai propri clienti anche il prezioso e ricercato champagne, la famiglia Costa ha acquistato alcuni ettari in Francia. L’etichetta Philippe Costa sorge nel piccolo paese di Grauves, nella Còte des Blancs, area classificata come Premier Cru.

Grazie alla posizione della cantina, Philippe Costa gode della possibilità di coltivare i propri terreni nella culla dello champagne. Come tutti gli champagne tradizionali, anche Philippe Costa viene prodotto ricorrendo a tre diversi vigneti: Chardonnay, Pinot Nero e Pinot Meunier. Ovviamente il re dei vigneti per queste lavorazioni rimane lo Chardonnay che viene coltivato in 6 ettari di terreno che si estendono nelle aree più rinomate e importanti della Cote des Blancs. Il Pinot Nero e il Pinot Meunier vengono invece curati nell’area definita Grand Cru, nei pressi del famoso paese di Ay.

La filosofia che regna nella famiglia Costa è la medesima che li ha resi grandi grazie ai loro appezzamenti italiani. Con l’etichetta Philippe Costa, hanno mostrato le loro abilità di viticoltori riuscendo a produrre un ottimo champagne anche in terra straniera. Al fine di poter eguagliare i propri concorrenti, Philippe Costa viene prodotto secondo tradizione, con grande attenzione a ogni singolo passaggio a iniziare dalla cura dei vigneti. Accostando la tradizione alle moderne tecnologie rispettose della natura e delle vigne, Philippe Costa garantisce un elevato livello qualitativo senza dover ricorrere a prodotti chimici. Una scommessa che i Costa hanno senza dubbio vinto.

Gli italianissimi Costa, hanno deciso di intraprendere un’avventura transalpina solo per offrire un ottimo champagne preparato secondo tradizione francese. Da questa volta, e azzardo, nasce lo Champagne Brut S.A. Ouverture, un ottimo champagne brut ottenuto grazie all’abile unione di uve Chardonnay (60%), Pinot Nero (5%) e Pinot Meunier (35%). Dal colore giallo paglierino molto intenso, emerge la grande eleganza di questo champagne, caratterizzato da un complesso bouquet di profumi aromi.