Cantina De Vescovi Ulzbach

La famiglia De Vescovi Ulzbach vanta un’antichissima tradizione vinicola che risale al 1600, epoca in cui la famiglia coltivava già i propri vigneti collocati a Mezzocorona, nella Piana Rotaliana, in Trentino Alto Adige. Nonostante tale lunga storia, è stato solo grazie all’attuale proprietario, Giulio De Vescovi, che l’azienda ha raggiunto il suo massimo splendore. Tutto è iniziato quando Giulio, dopo la laurea conseguita a Firenze in Viticoltura ed Enologia, ha preso in mano le redini della cantina De Vescovi Ulzbach, collocata all’interno di un’antica dimora del suo nobile avo, Vigilio De Vescovi Ulzbach. Il duro lavoro, la passione e le sue conoscenze in materia gli hanno consentito, dopo appena 10 vendemmie, di diventare un punto di riferimento e un vero intenditore nella coltivazione e produzione del Teroldego.

La famiglia De Vescovi possiede circa 8 ettari di terreno destinato alla coltivazione dei vigneti, divisi in tre diversi poderi, tutti collocati nella Piana Rotaliana. Collocata tra il fiume Adige e il torrente Noce, questa vallata sfrutta la presenza delle alte pareti rocciose per proteggersi dall’ incursione dei venti freddi provenienti da nord e godendo, in questo modo, di maggior mitezza. Le montagne consentono anche di trattenere maggiormente il calore estivo che favorisce la maturazione del Teroldego. Il terreno si presenta principalmente limoso, sabbioso e con presenza di rocce, caratteristiche dovute alla natura alluvionale della vallata.

L’idea alla base di tutto il duro lavoro di Giulio De Vescovi è che con il Teroldego si possano produrre grandi vini. Per questo motivo i suoi terreni sono principalmente dedicati alla coltivazione di quest’uva. Un altro caposaldo della sua attività è la volontà di rispettare il più possibile l’ambiente circostante e la natura. Per questo motivo l’azienda vitivinicola porta avanti un’agricoltura biologica, non solo a favore dei vini prodotti, ma anche a vantaggio del territorio.

Il vino che maggiormente viene prodotto dalla cantina De Vescovi Ulzbach è il Teroldego e, tra le numerose bottiglia, spicca senza dubbio il Vigilius Teroldego Rotaliano DOC Riserva. Così chiamato in onore del suo nobile antenato, è un vino rosso molto intenso prodotto con Teroldego in purezza e caratterizzato da grande corposità e note balsamiche. Il Teroldego in purezza viene utilizzato anche per produrre il Teroldego Rotaliano DOC, un vino molto fresco, equilibrato e dai tannini ben strutturati. In Trentino, però, non si producono solo vini rossi ma anche eccelsi vini bianchi come il Sauvignon Dolomiti IGT, un vino fresco e fruttato ottenuto con uve Sauvignon in purezza.