Cantina Cavalchina

L’azienda agricola Cavalchina di Piona Giulietto è un monumentale baluardo dell’enologia italiana. Nata ad inizio secolo scorso, l’azienda prende il nome dall’appezzamento su cui poggia, si ritiene appartenesse ai conti Cavalchini; pose le sue radici già in fase asburgica, ossia a metà del XIX secolo.
Terra fantastica, vocata per la produzione dei grandi vini bianchi, rosati e rossi, pone sempre e solo la qualità al vertice di ogni ragionamento. La loro filosofia è cercare di ottenere dalle basse rese un vino che sia sempre nel tempo ad alto livello, conservandone sapori della terra e raccontando di un territorio che esprime cultura vinicola da secoli.
I tre fattori che caratterizzano l’azienda sono il terreno, il vitigno e la vinificazione. Divenne ulteriormente famosa quando ai primi anni ’60 decise di chiamare per prima il “Bianco di Custoza”, quel vino ottenuto dal blend di vitigni Garganega, Fernanda e Trebbiano. Fu un successo strepitoso che partì da Milano, Roma e si dipanò poi in tutte le altre regioni.
Ben rappresentati abbiamo Custoza Cavalchina ed Amedeo Custoza superiore Cavalchina, maturano su colline moreniche con ampi richiami di mineralità e ricchi profluvi organolettici al naso. La riserva in aggiunta prima di essere posta in commercio dopo la fermentazione alcolica, riposa per qualche mese in bottiglia per affinarsi ulteriormente.
Sommacampagna è anche terra di Bardolino, famoso rosso veronese ottenuto dall’assemblaggio di Corvina, Rondinella; Marzemino e Barbera. Bardolino Cavalchina e Santa Lucia Bardolino superiore Cavalchina sono ottimi interpreti di un’enologia raffinata e curata in tutti i suoi dettagli.