Cantina Biondi Santi

Rappresenta l’emblema e la storia del Brunello. La storia plurisecolare inizia a metà del 1700 da Giorgio Santi per arrivare ad oggi a Franco Biondi Santi ed abbraccia numerose generazioni della famiglia. Sempre e solo uno è il denominatore di questa straordinaria storia: Il valore della qualità e dell’innovazione.

I Biondi Santi si cimentano già dall’ottocento alla ricerca di tecniche innovative, alla ricerca della longevità del Sangiovese in bottiglia, alla creazione delle riserve del Brunello solo nelle annate migliori, dove si è sicuri che il vino sia strepitoso.

Basti pensare la lista infinita di riconoscimenti che il Brunello il Greppo in oltre cento anni di storia ha ricevuto; solo per citarne alcuni la riserva dell’anno 1955 è stata inserita come l’unico vino italiano tra i migliori 12 prodotti nel XX secolo.

Il loro Brunello rappresenta un patrimonio dello stato Italiano, ricco di migliaia di profumi secondari e terziari, di potenza al naso sempre maggiore con il passare delle annate, molto severo e mascolino, dalle radici antiche e che merita rispetto come tutti i premi donati dai nostri presidenti Cossiga e Napolitano alla Cantina di Franco Biondi Santi.