Vino Syrah

Il Syrah è un vitigno a bacca rossa diffuso oggi in tutto il mondo. Il nome Syrah compare solo dai primi anni del 1800, precedentemente era chiamato Serine o Serene. In Australia e Sud Africa il nome Syrah, ha subito una leggera storpiatura infatti viene comunemente chiamato Shiraz. La sua origine viene localizzata dapprima nella Valle del Rodano fino alla Francia meridionale.

In Italia il Syrah ha trovato territori adatti alla sua coltivazione tra la Sicilia e la Toscana. Nonostante sia un vitigno molto diffuso, che ha saputo trovare spazio sia nel vecchio continente che oltre oceano è comunque un vitigno delicato, sensibile allo stress idrico e di facile surmaturazione. Per questo motivo è un vitigno che necessita di accortezze nella tecnica di produzione. A migliorare le cose ci ha pensato la ricerca scientifica che è riuscita a sintetizzare cloni più resistenti adatti a resistere a climi piu’ ostili.
Vediamo ora quali sono le caratteristiche dei vini ricavati dalle uve Syrah. Visivamente Il colore è rosso rubino intenso, che con l’invecchiamento tende al granato. Al naso ha un bouquet intenso che sprigiona gradevoli fragranze di pepe, cioccolato, ma anche di frutti rossi e di spezie. Al gusto ha una buona struttura caratterizzato da una giusta carica tannica; è corposo e avvolgente con un finale aromatico che ricorda la prugna. A tavola va servito ad una temperatura pari ai 16-18°, che può variare nel caso di bottiglie pregiate e invecchiate anche fino ai 20°.

L’abbinamento gastronomico ideale è con la carne alla griglia talvolta può essere apprezzato come aperitivo con piatti di salumi e formaggi stagionati.