Grignolino d’Asti

Il Grignolino d’Asti è una DOC riconosciuta nel 1973, la cui zona di produzione si riferisce ai comuni della provincia di Asti. Secondo il disciplinare questa DOC viene prodotta da un minimo 90% di Grignolino e 10% di Freisa. Il Grignolino è un vitigno autoctono piemontese a bacca rossa. Il suo nome deriva dal termine dialettale “grignole”, ossia vinaccioli, perché gli acini ne sono abbondanti. È un vitigno delicato, ma di elevata produzione. Era solito vinificarlo sempre in assemblaggio ad altre uve e mai in purezza.
È un vino tradizionale piemontese, ma che non ha avuto la stessa considerazione dei prestigiosi rossi piemontesi. È atipico per la sua freschezza e delicatezza rispetto ai vini rossi locali potenti e intensi aromaticamente. Oggi molti produttori ne hanno proposto la produzione registrando interesse e qualità.
Il Grignolino d’Asti ha un colore rosso rubino, un profumo di rosa e frutti di bosco con note speziate e al palato ha un giusto equilibrio tra acidità e tannicità, la sua gradazione da disciplinare deve essere pari al 10,50°.
A tavola, servito ad una temperatura tra 16/18° oppure anche 14/16°, è molto versatile ideale dal tagliere di salumi e primi piatti di pasta o minestre, ai secondi di carni bianche o anche con zuppe di pesce.