Pinot Bianco

Leggi tutto +

Fa parte della famiglia dei pinot, varietà soggetta a facili mutazioni, e ha origine nel pinot nero in Borgogna. Qui la mutazione ha dapprima generato il pinot grigio, per poi virare ulteriormente in pinot bianco. In Borgogna ha però una diffusione contenuta, surclassato in termini di importanza sia dal pinot ero che dallo chardonnay, e ha invece trovato attenzione nelle regioni a clima più fresco, come Germania e Austria, dove prende il nome di weissburgunder, o in Alsazia. La sua diffusione riguarda poi tutta l’Europa centrale, in particolare Slovenia e Croazia. Il vino ottenuto offre profumi raffinati di fiori e frutta bianca, ha buona acidità ed è in grado di invecchiare molto bene. In Italia è presente in Trentino Alto Adige, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Lombardia, e per molto tempo è stato spesso confuso con lo chardonnay, vitigno con cui ha sicuramente delle similitudini ma nes- suna parentela. Numerose le Doc interessate, che utilizzano l’uva in purez za o assemblata ad altre varietà, fra le quali ricordiamo Alto Adige Pinot Bianco, Trentino Pinot Bianco, Colli Orientali del Friuli Pinot Bianco, Collio Pinot Bianco e Friuli Isonzo Pinot Bianco. Come base per vini spumanti ricordiamo la Docg Franciacorta.