Un vino per Natale: pandoro e Franciacorta DOCG Saten Contadi Castaldi

Da sempre Natale è sinonimo di festa, e che Natale sarebbe senza un calice di spumante, meglio ancora se un Franciacorta, ideale per impreziosire i momenti lieti in compagnia di amici e parenti.

Il Franciacorta DOCG Saten Contadi Castaldi viene realizzato al 100% con uve chardonnay delle campagne di Adro, nel cuore della Franciacorta, da una delle famiglie di viticoltori che sanno meglio interpretare la tradizione del metodo classico.

pandoro

Il pandoro di Verona

Le origini di questo dolce tipico veronese si perdono nelle nebbie della storia, quando i nobili veneziani del duecento già gustavano un dolce chiamato appunto “pan de oro”, probabilmente vicino parente del “nadalin”, l’antico dolce veronese creato in quegli anni in onore dei nobili della Scala.

Quel che è certo è che la ricetta attuale è stata introdotta nell’Ottocento, creando la tipica forma a stella su un tronco di cono allungato fatto di una pasta soffice e burrosa, servita con la sola guarnizione di zucchero a velo.

La ricetta è stata brevettata nel 1894 dal pasticciere Domenico Melegatti, erede di una famiglia di pasticcieri veronesi e fondatore della celebre industria dolciaria.

Questa forma, che oggi consideriamo caratteristica del dolce, è stata creata dal pittore impressionista Angelo Dall’Oca Bianca, nativo proprio di Verona, che a cavallo fra Ottocento e Novecento è stato uno dei più stimati artisti italiani, autore di opere commissionate persino dalla regina Margherita di Savoia.

Pandoro e Franciacorta DOCG Saten Contadi Castaldi

Una pietanza dolce come il pandoro si sposa alla perfezione vini dolci e profumati. Non vanno quindi scelti vini Brut p Extra Brut in quanto si tratta di vini secchi che è meglio aprire ad inizio pasto invece che al dessert.

La denominazione Satèn già nel nome, si ispira alla parola seta, proprio per descrivere la morbidezza delicata e la spuma fine di questi vini prodotti esclusivamente in provincia di Brescia.

Il Franciacorta DOCG Saten Contadi Castaldi rilascia in bocca profumi e sentori di miele e note floreali. Il prestigio della cantina si nota dall’ottima fermentazione finale in bottiglia, come testimonia la sua perfetta acidità unita alla bollicina fine, ideali per pulire la bocca dalla pasta zuccherina del pandoro.

 

.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *