Vino di Sicilia

Cottanera: il vino di Sicilia alle pendici dell’Etna

Nasce dalle pendici dell’Etna il vino di Sicilia delle Cantine Cottanera, a 700 metri sul livello del mare, a pochi passi dal borgo di Castiglione di Sicilia, dalla lava di uno dei vulcani più maestosi d’Italia. Dal Barbazzale all’Etna Doc fino all’Ardenza, un viaggio alla scoperta dei profumi e delle magiche atmosfere della produzione vinicola del sud Italia.

La storia di Cottanera:

Le cantine Cottanera hanno origine negli anni novanta grazie alla passione per il vino di due fratelli siciliani, Guglielmo ed Enzo, che decidono di trasformare un appezzamento di terra destinato alla coltivazione delle nocciole in un maestoso vigneto. La scelta del nome è legata all’antico borgo contadino bagnato dal fiume Alcantara che delimita i territori della famiglia.

I vigneti e le cantine si trovano a pochi passi dal borgo di Castiglione di Sicilia, uno dei comuni che fanno parte del Parco dell’Etna, del parco fluviale dell’Alcantara e del circuito dei borghi più belli d’Italia considerati di “notevole importanza pubblica”.

La viticoltura di frontiera di Cottanera si sviluppa lungo le pendici settentrionali dell’Etna per una superficie di sessantacinque ettari vitati, su terra nera di pietra lavica. I vigenti vengono coltivati in asciutto sfruttando a pieno la limitata umidità propria del terreno con un notevole risparmio idrico.

La tradizione della vendemmia in Sicilia:

Vino di Sicilia

Tutte le fasi di coltivazione delle uve di Cottanera sono seguite di persona da un gruppo di venticinque donne che si occupano anche della vendemmia nel pieno rispetto della tradizione etnea.

Di generazione in generazione, la vendemmia in Sicilia rappresenta un momento di festa cittadina rimasto immutato nella sua rigorosa tradizione attraverso i secoli.

Un antico rituale a cui partecipano intere famiglie che ha origine con la pigiatura delle prime uve fino ad ottenere il mosto raccolto in grandi tini per la fermentazione dove le sostanze zuccherine si trasformano in alcol. La vinificazione segue processi differenti a seconda del tipo di vino che si vuole ottenere, rosso oppure bianco.

La linfa dei vigneti dell’Etna:

L’azienda siciliana produce vini rossi, bianchi e rosati come il Barbazzale Rosso Etna Doc dal colore rosso rubino con note aromatiche di lamponi e more, il Barbazzale Bianco di Sicilia Doc dal colore giallo paglierino con sentori di glicine e ginestra, l’Etna Rosso Doc ricco di note floreali o l’Etna Bianco Doc con aroma di agrumi freschi e note vegetali e l’Ardenza Rosso Sicilia Igt con aroma di marasca, ciliegia e mirtillo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *