vino rosso

Bere vino rosso aumenta la passione e accende il desiderio sessuale

Il vino rosso aumenta la passione e stimola il desiderio sessuale, soprattutto nelle donne. Tutto merito delle sostanze contenute in questa bevanda alcolica ed in modo particolare degli antiossidanti che favoriscono una vasodilatazione naturale ed un aumento del flusso sanguigno nei punti chiave del nostro corpo.

A confermalo è una ricerca condotta dall‘Università di Firenze e pubblicata sulle pagine di una famosa rivista scientifica americana, Journal of Sexsual Medicine.

Un risultato provato dalla scienza

Lo studio, primo in assoluto a provare il legame tra il consumo moderato di vino rosso e l’aumento del desiderio sessuale femminile, ha coinvolto 800 donne tra i 50 ed i 18 anni. Le rappresentati del gentil sesso sono state suddivise in tre gruppi: coloro che consumano abitualmente uno o due bicchieri di vino al giorno, quelle che bevono meno di un bicchiere e quelle completamente astemie.

Tutte le partecipanti hanno compilato un questionario composto da 19 domande con una scala di voti da 2 a 36 dove al punteggio più alto corrispondeva una migliore funzionalità sessuale. I quesiti hanno riguardato sei degli aspetti più importanti della sessualità: desiderio, eccitazione, lubrificazione, orgasmo, soddisfazione e dolore durante i rapporti.

Le bevitrici abituali di vino rosso hanno ottenuto un punteggio complessivo più alto, 27,3%, rispetto alle donne che bevono meno di un bicchiere al giorno, 25,9%, e a quelle completamente astemie, 24,4%.

Il vino rosso fa bene alla salute

La ricerca condotta dal Professor Andrea Ledda ha inoltre mostrato come un consumo moderato di vino rosso combatte l’andropausa e l’arteriosclerosi.

La Professoressa Teresa Mazzei, presidente della Società Internazionale di Chemioterapia, ha inoltre evidenziato come bere vino senza eccessi possa incidere nella prevenzione di alcune forme tumorali, come quella della mammella, della prostata e dei polmoni.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *